Oceano Mare

Sai cos’è bello, qui? Guarda: noi camminiamo, lasciamo tutte quelle orme sulla sabbia,
e loro restano lì, precise, ordinate. Ma domani, ti alzerai, guarderai questa grande spiaggia
e non ci sarà più nulla, un’orma, un segno qualsiasi, niente. Il mare cancella, di notte.
La marea nasconde. E’ come se non fosse mai passato nessuno.
E’ come se noi non fossimo mai esistiti.
Se c’è un luogo, al mondo, in cui puoi non pensare a nulla, quel luogo è qui.
Non è più terra, non è ancora mare. Non è vita falsa, non è vita vera.
E’ tempo. Tempo che passa. E basta…

Alesandro Baricco – Oceano Mare

sunset_lightleak_by_dcw1979-d398txd

 

 

 

 

 

 

 

Silenziosa gioia!

Quante lacrime si versano sulle amarezze, e quante parole…

Ti escono di getto e non fatichi mai a cercarle. Ti travolgono come fossero un fiume impazzito senza più un argine che lo trattenga e inonda il mondo delle sue grida strazianti perchè a tutti sia dato di sapere della sua esistenza.

 

E quanto amaro veleno viene usato come inchiostro per scrivere il dolore…

Quante ore insonni per dargli vita e corpo come se non bastasse sentirlo vivere e crescere dentro di noi, senza cercare anche il bisogno di guardarlo negli occhi.

 

E quante lampadine accese, nella notte, per illuminare fogli di carta bagnati di pianto e mani fredde e intorpidite strette intorno ad una penna gelida come una lama…

Come è facile parlare del dolore, quando si prova dolore.

 

Come è silenziosa invece la gioia…

Si nutre dei battiti del cuore e vive di sorrisi che non hanno bisogno di essere raccontati.

Si stampano nell’aria ed entrano nei polmoni diventando il fiato con cui respiri, con cui ti nutri… e prendono il gusto dolce delle parole non dette.

love

Stretti a un sogno

Noi siamo piccole ombre di ristoro
in questo arido e immenso deserto,
querce con enormi radici sparse nel profondo ma
deboli rami che lottano contro le intemperie del vento.
Siamo la voce di chi non dimentica,
il battito di cuori che inseguono l’infinito,
fogli bianchi su cui volano le passioni
di un desiderio di vita che mai si placa.
Viviamo tra i mormorii e le grida di occhi
che viaggiano sulle spume delle onde,
e che si infrangono sugli scogli dei sogni
trovando poi riparo su isole lontane e irraggiungibili.
Abbiamo tante parole ma nessun potere,
rubiamo i colori del cielo per respirarne l’azzurro
e ci trafiggiamo la pelle , con anima incosciente,
contro le aguzze lame di alti cancelli.
Mai potremo chiudere le porte al male
che tenterà invano di cancellare la nostra voce.
Noi siamo acqua che disseta questo arido deserto…
poveri cantori di una melodia racchiusa nel nostro cuore,
poeti di sogni che non avranno mai fine.

Silhouette_

life

«La vita, insomma, è molto solida o molto instabile? Sono ossessionata da questa contraddizione. Dura da sempre, durerà sempre, affonda giù fino alle radici del mondo, quest’attimo in cui vivo. Ed è anche transitorio, fuggevole, diafano. Passerò come una nuvola sulle onde».

Virginia Woolf, “Diario di una scrittrice”

life

 

 

L’Amore è…

L’amore è il colore della vita, l’anima del mondo, una musica segreta che risuona nel cuore e si stringe al corpo come tepore avvolgente. Senza di lui tutto è come un’affollata solitudine, parole senza storia e storia senza passato.

L’amore è come la cifra di un debito mai pagato, il riassunto della totale conoscenza che si perde e lascia graffi sulle pagine dei libri e profondi solchi nei pensieri senza mai raggiungere il fondo della notte.

L’amore è una continua emorragia, una perdita inarrestabile come un fiume, il figlio naturale di un grande poeta che, per imprigionarne il segreto attimo della vita, ne ascolta la pulsione, la fantasia, il bisogno…

L’amore è i fruscii e i ronzii che lo accompagnano, micce accese che ne illuminano i percorsi dell’anima e del corpo, una forma saettante con cui percepire il mondo, con cui combattere la volgarità del cuore credendo nell’impossibile.

E’ suono, memoria, gioia e spasimo, dolore e slancio… è una continua domanda gridata al vento e il ritorno di una silenziosa eco. Mi stringo nell’elastico sottile di questi miei versi e mi arrendo, senza più forze, al continuo scorrere di miele e sangue.

love