Silenziosa gioia!

Quante lacrime si versano sulle amarezze, e quante parole…

Ti escono di getto e non fatichi mai a cercarle. Ti travolgono come fossero un fiume impazzito senza più un argine che lo trattenga e inonda il mondo delle sue grida strazianti perchè a tutti sia dato di sapere della sua esistenza.

 

E quanto amaro veleno viene usato come inchiostro per scrivere il dolore…

Quante ore insonni per dargli vita e corpo come se non bastasse sentirlo vivere e crescere dentro di noi, senza cercare anche il bisogno di guardarlo negli occhi.

 

E quante lampadine accese, nella notte, per illuminare fogli di carta bagnati di pianto e mani fredde e intorpidite strette intorno ad una penna gelida come una lama…

Come è facile parlare del dolore, quando si prova dolore.

 

Come è silenziosa invece la gioia…

Si nutre dei battiti del cuore e vive di sorrisi che non hanno bisogno di essere raccontati.

Si stampano nell’aria ed entrano nei polmoni diventando il fiato con cui respiri, con cui ti nutri… e prendono il gusto dolce delle parole non dette.

love

Ti regalo un sogno

A volte il dolore è cosi grande che la vita resta sospesa. Nessuno di noi è in grado di farvi sempre fronte! La mente torna al passato, a quei giorni lontani pieni di solitudine. Ma sono contenta di quello che sono oggi, contenta quando riesco a regalare un sorriso, un sogno. E per te vorrei dar vita al sogno piu bello, alla magia piu grande che posso fare.Vorrei relegarti la gioia di un giorno, ma che duri per tutta la vita. Vorrei renderti cosi felice da fermare il tempo, che il cielo e le nuvole restino ad ammirarti, che il sole invidi il tuo splendore,che il mare taccia per ascoltare il tuo cuore. Questo vorrei fare per te, e ci provo ogni giorno,ogni giorno spargo su di te la mia magia di un sorriso e aspetto, aspetto il momento in cui potrò finalmente vederti gioire come non mai.Vorrei strappare le pagine del passato, cancellare le frasi piu dolorose, vorrei riscrivere la storia, colorare d’azzurro il libro della tua vita,vorrei aver cominciato tanto tempo fa. Ma il tempo non concede seconde prove, un’occasione perduta non torna mai indietro,mai uguale a se stessa,ed io non avrò mai l’occasione di cominciare a scrivere per primo nel tuo diario, non posso che sperare d’essere quella che ci scriverà piu a lungo, quella che scriverà le pagine piu belle,d’ora in avanti sino all’ultimo giorno.

sogno

 

Sissi

…corri, salta, rotola, scappa! …ora fermati, cercami, struscia tra le mie gambe… guardami con quegli occhioni a palla e fammi le fusa… ♥ ♥ ♥

Mi hai scelto tanti anni fa come padroncina, hai posto in me la massima fiducia.
Già sapevi che ti avrei amato, coccolato, viziato…e curato. Si lo sapevi già.
Ed io non ho resistito quando ti ho visto così morbida, allegra, elegante, seducente,
ed oggi aggiungo anche dignitosa, infinitamente tenera con chi si prende cura di te.
Ed io ti amo piccolo batuffolo di pelo, così come sei!
E mi piace guardarti quando ti distendi a dormire al sole appena si annuncia primavera;
quando ti acciambelli sulle mie ginocchia in ogni stagione, e quel calore sembra scaldare il tuo piccolo cuore;
mi piace guardarti mentre ti accarezzo e si  mette in moto quel motorino di cui solo tu sei dotata e ti fa fare le fusa.
E mi sorprendo guardardo i tuoi mezzi espressivi che usi per comunicare!
La tua coda che si alza diritta quando mi corri incontro è il punto esclamativo che mi esprime la tua gioia per il mio ritorno.
Il tuo mantello setoso che amano le carezze e il tuo piccolo corpo caldo che si accoccola accanto al mio sanno trasmettere il calore di una presenza, discreta ma importante quando si è troppo soli.
E quando sulla strada della mia vita è scesa la sera del dolore,
i tuoi occhi lucenti di un bagliore che vince l’oscurità della notte mi hanno permesso ancora di guardare lontano.
I tuoi occhi che brillano nel buio hanno saputo dirmi che nessuna notte è tanto oscura con una micia come te accanto al mio cuore ferito…
…ed insieme abbiamo aspettato il sorgere di una nuova alba di luce.
Tu Sissi, hai rallegrato la mia vita!
Mi hai scelto tanti anni fa…affinchè io prendessi ogni decisione al tuo posto.
E adesso tocca a me scegliere…ma non so quale sia la decisione migliore per TE.
Stai soffrendo micia? Quanto?
Vuoi andartene subito o vuoi spegnerti lentamente…vicino alle cose che ami…ai tuoi oggetti preferiti…
Vuoi spegnerti in un luogo che sarai tu a scegliere, un luogo riparato, dove ti senti al sicuro?
Vuoi sentire un odore, un profumo a te cari…
Cos’è meglio per te Sissi? I tuoi occhi mi guardano, mi scrutano, mi implorano, sembrano chiedere aiuto…
Come quel giorno di 14 anni fa quando ti ho vista in quella gabbietta…
…perchè non parli………sono io che adesso ho bisogno del tuo aiuto…